Home
testata sito
   Il progetto Biblioteca Documentazione
   Il CIBID
   Presentazione
   Lo statuto del CIBID
   I progetti di ricerca
  Partner & Sponsor
   CIBID
   MIUR
   ICCU
   BDI
   ADI
   BIDS
  Servizi
   FAQ
   Contatti
 

 

Il CIBIT

Nato da un accordo tra le Università de L'Aquila, Cassino, Ferrara, Genova, Messina, Napoli, Padova, Pavia, Pisa, Roma "La Sapienza", Torino, Trento, Udine e Venezia, il CIBIT, attualmente diretto da Amedeo Quondam, ha lo scopo di promuovere la collaborazione scientifica e la costituzione e il potenziamento di servizi telematici in comune nel campo della documentazione primaria e secondaria relativa al patrimonio testuale (linguistico, letterario, storico, filosofico, scientifico, religioso, politico, giuridico, economico, artistico, musicale, ecc.) della tradizione culturale italiana.

Il dominio fondamentale del progetto del CIBIT è costituito dall'insieme dei testi in lingua italiana di età medievale, moderna e contemporanea, aperto alle altre lingue costitutive della tradizione culturale italiana: latino, altre lingue di cultura utilizzate nell'ambito di questa tradizione, antichi volgari, dialetti. Il CIBIT si propone quindi di:

a) promuovere, eseguire e coordinare ricerche sulla documentazione relativa al patrimonio testuale della tradizione culturale italiana tramite il trattamento informatico delle sue fonti primarie e secondarie per serie omogenee e integrate di insiemi;

b) promuovere, realizzare e gestire servizi comuni per l'acquisizione e la distribuzione informatica della documentazione raccolta e opportunamente trattata;

c) favorire lo scambio della documentazione e dell'informazione non solo fra le Unità operative presso le Università afferenti, ma anche nel quadro di una collaborazione, eventualmente sancita da appositi accordi e convenzioni, con le altre istituzioni di ricerca universitarie, nazionali e internazionali; con gli Istituti e i Centri del CNR e con le altre istituzioni di Enti pubblici e privati che operino nel settore del trattamento informatico della documentazione e della distribuzione telematica; con le Biblioteche, gli Archivi e le altre istituzioni di conservazione che sviluppino progetti di digitalizzazione del patrimonio librario e documentario;

d) favorire l'elaborazione di programmi di gestione e interrogazione informatica finalizzati alla peculiarità della documentazione testuale raccolta, con particolare riguardo allo sviluppo di funzioni filologiche e lessicografiche avanzate, all'integrazione del trattamento di testo e immagine e all'interrogazione remota;

e) stimolare l'interazione con la propria rete di utenti (centri di ricerca, biblioteche, scuole, ecc.) al fine di adeguare costantemente l'offerta di servizi alle domande via via emergenti;

f) raccordare strettamente i suddetti obiettivi di documentazione e di ricerca con le prospettive di innovazione metodologica e tecnologica della didattica universitaria e scolastica in generale;

g) assumere altre iniziative di divulgazione scientifica e di collaborazione interdisciplinare al livello sia nazionale sia internazionale;

h) stipulare accordi di collaborazione internazionale con altri gruppi stranieri impegnati in omologhi progetti.

Finalità, principi, struttura e organi del CIBIT sono definiti dal suo Statuto

 

Il progetto
- Biblioteca - Documentazione

© Biblioteca Italiana - Ultimo aggiornamento: 26/04/2010